POLET NEWS
Mladi pobalini rasejo - Le piccole pesti crescono

U14

Prijatelj Riccardo je prav lepo definiral na straneh Piccola naše mlado moštvo U14 in njihov izjemen uspeh z besedo "Fantastici".  Ta rezultat je namenjen tistim, ki so mislili in upali, da bodo z ekipami, ki so jih nazadnje okrepili z ne prav lokalnimi igralci, premagali Konjičke in prišli do kvalifikacije v državni finale. V kategoriji U16 so igrali prav isti igralci in še Sindici, ki je edini U16 iz naših vrst. Na pomoč so prišle dekleta umetnostnega kotalkanja, ker drugače ne bi bilo dovolj igralcev za prvenstvo in prav tem se danes zahvaljujemo, ker so bile na razpolago klubu in ekipi. In naj omenimo še najmlajše (U10), ki so šele letos začeli z rolanjem in zbivanjem pucka po igrišču. V njihovih očeh se že vidi borbenost in srečo do tega našega športa, ki jim ne bo doprinesel ne denarja ne slave kot nekatere druge panoge ampak prava športna zadoščenja ki so neprecenljiva. SB

In un articolo “ispirato” il nostro amico Riccardo, sulle pagine del “Piccolo” ha commentato perfettamente il magnifico percorso sportivo della nostra giovanile impegnata nel campionato U14. Poco da aggiungere se non: “Fantastici!”. Alla faccia di chi pensava che altri, forti di aiuti non proprio casalinghi, avrebbero sgominato il campo. Penso, però, che oggi vadano spese qui due parole per le altre giovanili. L’U16, ovvero gli stessi della categoria inferiore rinforzati da Sindici, l’unico dell’età giusta, e da qualche simpatica signorina (avevo scritto ragazzina, ma non me lo avreste perdonato) presa a prestito dal pattinaggio artistico, giusto perché bisognava avere un numero minimo di atleti per far partecipare la squadra al campionato. Bravi: vi siete sacrificati perché serviva iscrivere anche questa squadra e voi vi siete messi al servizio della società: grazie di cuore! E poi i piccolini, quelli che i pattini li hanno appena messi, che devono ancora pensare a stare in piedi, altro che segnare. Eppure la voglia, l’agonismo ci sono già tutti, e con essi la felicità che brilla nei vostri occhi. Bravissimi anche voi e credetemi: se continuerete così non avrete i soldi di sport più noti, non avrete lo spazio mediatico dei soliti noti, ma proverete le soddisfazioni vere dello sport. E quelle sono impagabili. SB

 
Zadnje poglavje A1 - A1 Ultimo atto

Davide Fabietti

Zadnje poglavje letošnjega prvenstva A1 se je zaključilo s tekmo proti močni ekipi iz Verone, ki je je zaključila redni del prvenstva na drugem mestu. Že med ogrevanjem smo zasledili med njimi kak dres z napisom Italia, kar dokazuje, da je v ekipi Verone marsikdo že igral za državno raprezentanco v inline hokeju. Na klopi Verone sedi Cristian Rela, selektor italijanske članske raprezentance, ki daje svojim še zadnja navodila za tekmo, ki je bila od začetka do konca le enosmerna. Le dvakrat se nam je posrečilo priti do gola z Davidom Fabiettijem, ki je samostojno razigral vratarja Antinorija. Tekma se je končala z rezultatom 7 proti 2 za goste. Končni rezultat je bil podoben mnogim v letošnjem prvenstvu. Večkrat je bilo mogoče bolje izpeljati nekatere tekme ampak te besede naj ne zvenijo kakor kritika ampak spodbuda, da bo lahko naslednja sezona bolša. Česa se bomo lahko spominjali po taki sezoni? Naš edini cilj je bil obstanek v prvi ligi in do tega smo prišli. Na zdravje vsem in bravo fantje. SB

Ultima giornata del campionato di A1 che si è concluso con l’incontro casalingo contro il Verona, squadra forte, legittimamente al secondo posto della regular season. Già durante la fase del riscaldamento degli avversari alcune magliette con la scritta “Italia”, esibite, ma certamente non ostentate, ci avevano ricordato quale fosse la storia di molti giocatori veronesi. In panchina Cristian – già, proprio lui, il Rela nazionale – dava gli ultimi consigli ai suoi, e poi via ad un incontro a senso unico, per noi illuminato da due pregevolezze di Davide Fabietti. Sette a due per loro, alla fine: nemmeno tanto male. Un po’ come tutto il campionato: alle volte si poteva fare meglio, ma questa recriminazione non suoni come una critica, bensì come la legittima speranza che il prossimo anno, se lo si vorrà, potrà essere meglio. Cosa ci resterà di questa stagione? Forse qualcuno ha un po’ di amaro in bocca, qualcuno si aspettava di più: io credo che sia tempo di brindare. Era il nostro obiettivo, quello possibile, ma non scontato. Raggiunto! Cin, cin, bravi ragazzi. SB

 
"That's hockey" by Segio Battisti

Che dici se inserissimo anche quelli dell’hockey? Una frase forse buttata lì, non troppo ragionata. Ma Rossella non se lo fa dire due volte ed eccoli piccoli interpreti del consueto saggio natalizio della sezione di pattinaggio artistico. Un evento epocale per chi, come il sottoscritto, conosce le rivalità fra le varie discipline, una cosa forse mai accaduta. Bello, lo rifaremo, ci ritroveremo per il prossimo saggio. E invece… Prima, tra il pubblico delle partite di A1 si cominciano a vedere sempre più numerose le atlete dell’artistico; poi qualcuna decide che si, forse una mano potrebbe anche darla e magari anche qualche spintoncino ai maschietti  – giusto per la parità – tanto ci sono le protezioni. Daniel, uno dei pochi maschietti dell’artistico, non ci sta a farsi scavalcare dalle femmine e si impossessa della porta: questa è zona mia! E allora cominciano ad accadere cose strane in società. Piccoli hockeisti con un mazzo di fiori da regalare alla loro compagna di squadra che ha appena concluso la gara di artistico; Davide che in partita urla: Irene, tocca a te, l’8 è tuo.Poco più in là, la sera, quando gli altri hanno finito, qualcuno si lascia trascinare dal primo amore, quello che non si scorda mai. Tornano fuori i pattini di artistico, riprova trottole – oddio, anche la sorpassata - , sollevamenti, spirali, quel pattinaggio così diverso dall’hockey per la sua eleganza. Magari, prima o poi, anche qualche salto finirà correttamente su quattro ruote. Il campionato di hockey è finito, il tempo c’è. La gioia nei tuoi occhi anche. Buon divertimento a te e a quella che condivide la tua gioia.E allora lasciatemi concludere così. “That’hockey?” Forse, ma con un po’ d’orgoglio e tanta, tanta emozione preferisco pensare che “THAT’S POLET”

 
Preko 1000 gledalcev na reviji Poleta - Oltre 1000 spettatori allo spettacolo del Polet

foto  slosport.org

Preko 1000 gledalcev je letos obiskalo Poletovo kotalkarsko revijo na Pikelcu. V petek 19. in nedeljo 21. je bila na sporedu trdicijonalna kotalkarska revija ŠD Polet. Revije se je letos udeležilo kar 76 kotalkarjev in 17 hokejistov, ki so se za prireditev pripravljali že od septembra dalje. Na sporedu sta bila musikala Mamma Mia in Grease, ki jih je mojstersko sestavila Poletova trenerka Rossella Bacchelli skupaj z Majo Berci, Veronico Abrami, Valentino Scamperle in Davidom Battistijem. Za glasbo in luči je na zadnje poskrbel Mojmir Kokorovec, ki je skupaj z Robijem Serrijem in Sergiom Battistijem koordiniral osvetljavo špektakla in audio. Pravi biser večera je bila na koncu nepričakovana točka Flash Mob-a, za katero se je na plošči zbralo preko 100 ljudi, ki so prišli tudi izmed publike, in skupaj zaplesali po notah popevke Do Re Mi... V petek zvečer je bilo na sporedu tudi nagrajevanje, kjer je predsednik Samo Kokorovec z Emilianom Edero, Igorjem Dolencem in Juretom Kufersinom nagradil najbolj uspešne Poletovce v letu 2014. Med nagrajenci prva Poletova ekipa v hokeju za prestop v najvišjo ligo, lanski "Bomber" druge lige Davide Fabietti, in še Enrico Ovsec, Federico Montenesi, Federico Sindici in Matias Sedmak za drugo mesto na državnem finalu U14 v hokeju in Katarina Jazbec, Jessica Piazza, Valentina Scamperle in Clio Martellani za uvrstitev na DP v umetnostnem kotalkanju. Na nedeljskem večeru pa je bil med gosti predsednik ZKB Adriano Kovačič, ki je ob koncu prireditve pozdravil vse prisotne in skupaj s Poletovci voščil vsem vesele praznike. Ne smemo pozabiti, da vsega tega ne bi bilo mogoče brez naših vodilnih sponzorjev ZKB in ZSŠDI, in vseh ostalih, ki že leta stojijo ob društvu in finančno podpirajo naš domači šport.  Vse foto na  slosport.org

"Grande successo del galà dei pattinatori dell'ASD Polet che nelle due giornate di rappresentazione, venerdì e domenica scorsi, hanno richiamato più di mille spettatori entusiasti. I giovani atleti di Opicina hanno danzato sulle musiche di due celeberrimi musical, "Mamma mia" e "Grease", ben supportati da giochi di luce e scenografie che hanno trasformato l'impianto sportivo in un vero teatro. Per la prima volta, probabilmente nella storia degli sport a rotelle, a fianco degli atleti del pattinaggio artistico - abituati alle coreografie musicali - si sono esibiti, fianco a fianco, i ben più rudi atleti dell'hockey in line, ma non hanno certamente demeritato. Anche molti genitori sono stati coinvolti in pista in un flash mob collettivo che ha introdotto l'annuale momento del riconoscimento agli atleti che più si sono distinti nell'anno che si sta chiudendo. Alle premiazioni hanno voluto partecipare i tradizionali amici del Polet, come il consigliere regionale Emiliano Edera, il vice Presidente della Provincia Igor Dolenc, per il CONI Jure Kufersin e il Presidente della ZKB Adriano Kovacic. Entrambe le serate si sono concluse con un'esibizione dal vivo dell'ex atleta dell'hockey Giacomo Rebez con la sua chitarra, di Katarina Jazbec che, con i pattini ancora ai piedi, ha deliziato i presenti con la sua arpa celtica, e di Mojmir Kokorovec che, smessi i panni di allenatore, ha intonato il notissimo e benaugurante brano "Halleluljah". Grande soddisfazione del neo Presidente Samo Kokorovec che non nasconde una certa emozione nel commentare il successo delle serate, primo evento sotto la sua conduzione, e già pensa a come migliorare quelli che la società sta già programmando per il futuro."  tutte le foto su slosport.org

 
Začetniški tečaj kotalkanja in hokeja 2014 – Corso principianti pattinaggio e hockey 2014

(foto slosport.org)

Od 2. septembra 2014 dalje bo ob ponedeljkih, sredah in petkih potekal začetniški tečaj v umetnostnem kotalkanju in hokeju na rolerjih. Tečaj je namenjen otrokom do desetega leta starosti. Prijave ob ponedeljkih in petkih od 16. do 17. ure na Pikelcu pri Poletu, Repentaborska ulica 32 na Opčinah ali ob isti uri na telefonski številki 040211758.

Vabljeni

Dal 2 settembre 2014 in poi avrà inizio il corso principianti di pattinaggio artistico e hockey inline riservato a ragazzi e ragazze sotto i dieci anni di età. Iscrizioni aperte il lunedì e venerdì dalle 16 alle 17 al Polet, in Via di Monrupino 32 a Opicina o allo 040211758 durante gli stessi orari.

Siete i benvenuti