POLET NEWS
Kar osem Poletovcev na DP 2015 - Otto gli atleti del Polet ai Tricolori 2015

Metka Kuk

Zaključil se je včeraj na Pikelcu pri Poletu šesti del deželnega prvenstva v umetnostnem kotalkanju. Med Kadeti je tekmovala Poletovka Irene Albasini, ki je odpeljala zelo dober dolgi program, a je zaradi slabega kratkega programa obstala šele na devetem mestu. Naj povemo, da se je Irene že uvrstila na državno prvenstvo v obveznih likih, ki bo konec maja v Calderari pri Bologni. Med Mladinkami sta Poletove barve branile Katarina Jazbec in Metka Kuk. Katarina, tretja na končni lestvici, je izpeljala dokaj dober kratki program, a je v dolgem naredila nekaj napak tudi zaradi tega, ker program nov in mora stvar še nekoliko izpiliti. Metka je bila na končni lestvici druga s tem da je kratki program nekoliko zgrešila, a je v dolgem programu izpeljala dvojni axel in kar solidno odvozila svojo vajo do konca. Na prvo mesto v kategoriji Mladink je prispela že evropska prvakinja Gioia Girardi. Med športnimi dvojicami sta tekmovala tudi Valentina Scamperle in Davide Battisti v kategoriji Divisione Nazionale D. Naj povemo, da je kapetan Kwinsov Battisti kot umetnostni kotalkar zadnjič tekmoval na Evropskem prvenstvu leta 2003 v Trstu in, da se je po dvanajstih letih vrnil na ploščo v kar dobri formi. Programa nista izpeljala brezhibno, a sta kljub temu zmagala, kajti njihov program vsebuje tehnično zelo komplicirane elemente, ki jih v tej kategoriji drugi pari ne delajo in sta zaradi tega gladko zmagala v navdušenju množične publike. Na koncu naj še povemo, da poleg Davida in Valentine, bosta na državnem prvenstvu julija v Roani tudi Jessica Piazza (deželna prvakinja v prostem, obveznih likih in kombinaciji) in Andrea Dessanti (deželni podprvak v prostem). Na državno prvenstvo za kategorijo Allievi bo v Fananu pri Modeni tekmoval Daniel Rovina (deželni prvak v prostem, obveznih likih in kombinaciji) in nazadnje še Katarina Jazbec in Metka Kuk med Mladinkami v Roccarasu konec julija. V pričakovanju državnih prvenstev bodo Poletovci tekmovali še dvakrat, in sicer na Mednarodnem Pokalu Sedmak - Bressan pri Poletu 5.,6. in 7. junija in na Mednarodnem Pokalu Anfora v Puli 21. junija. Na koncu pa še posebna pohvala Dream Teamu staršev Poleta za izvenredno organizacijo tekme na Pikelcu. (foto www.slosport.org)

Si è conclusa ieri al Polet la sesta fase dei campionati regionali di pattinaggio artistico. Tra le Cadette gareggiava Irene Albasini, che dopo uno short program sbagliato presenta un ottimo programma lungo che la fa approdare al nono posto finale. Dobbiamo ricordare che con il secondo posto ai Regionali di obbligatori Irene è già qualificata ai Campionati Italiani di obbligatori che si terranno a fine mese a Calderara di Reno (Bo). Tra le Junior gareggiavano Katarina Jazbec e Metka Kuk. Katarina ha eseguito un buon short program, ma nella gara del lungo ha pagato alcuni errori dovuti ad un programma nuovo e non ancora completamente assimilato. Metka invece, ha eseguito uno short meno pulito, ma con un doppio axel ed altri elementi buoni nel disco lungo approda alla seconda posizione dietro alla campionessa Europea Gioia Girardi. Tra le coppie artistico nella categoria Divisione Nazionale D gareggiavano per la prima volta insieme Valentina Scamperle e Davide Battisti. Facciamo notare che il Capitano dei Kwins ha smesso dopo gli Europei a Trieste nel 2003 e dobbiamo dire che dopo 12 anni si è ripresentato in ottima forma. Valentina e Davide non hanno eseguito un programma pulito, ma tecnicamente molto superiore agli altri e hanno così conquistato un meritato e molto applaudito primo posto. Oltre a loro, parteciperanno ai Campionati Italiani di Roana anche Jessica Piazza (campionessa regionale di libero, obbligatori e combinata) e Andrea Dessanti (vicecampione regionale di libero). Per i Campionati Italiani di Fanano partirà Daniel Rovina (campione regionale di libero, obbligatori e combinata) mentre Metka Kuk e Katarina Jazbec gareggeranno a fine luglio a Roccaraso. In attesa dei Campionati Italiani i ragazzi del Polet gareggeranno al Trofeo Internazionale Sedmak - Bressan a Trieste dal 5 al 7 di giugno ed al Trofeo Internazionale Anfora a Pola in 21 di giugno. Alla fine merita un applauso il Dream Team dei genitori del Polet, che hanno contribuito all'ottima organizzazione della gara al Polet. (foto www.slosport.org)

 
Mladi pobalini rasejo - Le piccole pesti crescono

U14

Prijatelj Riccardo je prav lepo definiral na straneh Piccola naše mlado moštvo U14 in njihov izjemen uspeh z besedo "Fantastici".  Ta rezultat je namenjen tistim, ki so mislili in upali, da bodo z ekipami, ki so jih nazadnje okrepili z ne prav lokalnimi igralci, premagali Konjičke in prišli do kvalifikacije v državni finale. V kategoriji U16 so igrali prav isti igralci in še Sindici, ki je edini U16 iz naših vrst. Na pomoč so prišle dekleta umetnostnega kotalkanja, ker drugače ne bi bilo dovolj igralcev za prvenstvo in prav tem se danes zahvaljujemo, ker so bile na razpolago klubu in ekipi. In naj omenimo še najmlajše (U10), ki so šele letos začeli z rolanjem in zbivanjem pucka po igrišču. V njihovih očeh se že vidi borbenost in srečo do tega našega športa, ki jim ne bo doprinesel ne denarja ne slave kot nekatere druge panoge ampak prava športna zadoščenja ki so neprecenljiva. SB

In un articolo “ispirato” il nostro amico Riccardo, sulle pagine del “Piccolo” ha commentato perfettamente il magnifico percorso sportivo della nostra giovanile impegnata nel campionato U14. Poco da aggiungere se non: “Fantastici!”. Alla faccia di chi pensava che altri, forti di aiuti non proprio casalinghi, avrebbero sgominato il campo. Penso, però, che oggi vadano spese qui due parole per le altre giovanili. L’U16, ovvero gli stessi della categoria inferiore rinforzati da Sindici, l’unico dell’età giusta, e da qualche simpatica signorina (avevo scritto ragazzina, ma non me lo avreste perdonato) presa a prestito dal pattinaggio artistico, giusto perché bisognava avere un numero minimo di atleti per far partecipare la squadra al campionato. Bravi: vi siete sacrificati perché serviva iscrivere anche questa squadra e voi vi siete messi al servizio della società: grazie di cuore! E poi i piccolini, quelli che i pattini li hanno appena messi, che devono ancora pensare a stare in piedi, altro che segnare. Eppure la voglia, l’agonismo ci sono già tutti, e con essi la felicità che brilla nei vostri occhi. Bravissimi anche voi e credetemi: se continuerete così non avrete i soldi di sport più noti, non avrete lo spazio mediatico dei soliti noti, ma proverete le soddisfazioni vere dello sport. E quelle sono impagabili. SB

 
Zadnje poglavje A1 - A1 Ultimo atto

Davide Fabietti

Zadnje poglavje letošnjega prvenstva A1 se je zaključilo s tekmo proti močni ekipi iz Verone, ki je je zaključila redni del prvenstva na drugem mestu. Že med ogrevanjem smo zasledili med njimi kak dres z napisom Italia, kar dokazuje, da je v ekipi Verone marsikdo že igral za državno raprezentanco v inline hokeju. Na klopi Verone sedi Cristian Rela, selektor italijanske članske raprezentance, ki daje svojim še zadnja navodila za tekmo, ki je bila od začetka do konca le enosmerna. Le dvakrat se nam je posrečilo priti do gola z Davidom Fabiettijem, ki je samostojno razigral vratarja Antinorija. Tekma se je končala z rezultatom 7 proti 2 za goste. Končni rezultat je bil podoben mnogim v letošnjem prvenstvu. Večkrat je bilo mogoče bolje izpeljati nekatere tekme ampak te besede naj ne zvenijo kakor kritika ampak spodbuda, da bo lahko naslednja sezona bolša. Česa se bomo lahko spominjali po taki sezoni? Naš edini cilj je bil obstanek v prvi ligi in do tega smo prišli. Na zdravje vsem in bravo fantje. SB

Ultima giornata del campionato di A1 che si è concluso con l’incontro casalingo contro il Verona, squadra forte, legittimamente al secondo posto della regular season. Già durante la fase del riscaldamento degli avversari alcune magliette con la scritta “Italia”, esibite, ma certamente non ostentate, ci avevano ricordato quale fosse la storia di molti giocatori veronesi. In panchina Cristian – già, proprio lui, il Rela nazionale – dava gli ultimi consigli ai suoi, e poi via ad un incontro a senso unico, per noi illuminato da due pregevolezze di Davide Fabietti. Sette a due per loro, alla fine: nemmeno tanto male. Un po’ come tutto il campionato: alle volte si poteva fare meglio, ma questa recriminazione non suoni come una critica, bensì come la legittima speranza che il prossimo anno, se lo si vorrà, potrà essere meglio. Cosa ci resterà di questa stagione? Forse qualcuno ha un po’ di amaro in bocca, qualcuno si aspettava di più: io credo che sia tempo di brindare. Era il nostro obiettivo, quello possibile, ma non scontato. Raggiunto! Cin, cin, bravi ragazzi. SB

 
"That's hockey" by Segio Battisti

Che dici se inserissimo anche quelli dell’hockey? Una frase forse buttata lì, non troppo ragionata. Ma Rossella non se lo fa dire due volte ed eccoli piccoli interpreti del consueto saggio natalizio della sezione di pattinaggio artistico. Un evento epocale per chi, come il sottoscritto, conosce le rivalità fra le varie discipline, una cosa forse mai accaduta. Bello, lo rifaremo, ci ritroveremo per il prossimo saggio. E invece… Prima, tra il pubblico delle partite di A1 si cominciano a vedere sempre più numerose le atlete dell’artistico; poi qualcuna decide che si, forse una mano potrebbe anche darla e magari anche qualche spintoncino ai maschietti  – giusto per la parità – tanto ci sono le protezioni. Daniel, uno dei pochi maschietti dell’artistico, non ci sta a farsi scavalcare dalle femmine e si impossessa della porta: questa è zona mia! E allora cominciano ad accadere cose strane in società. Piccoli hockeisti con un mazzo di fiori da regalare alla loro compagna di squadra che ha appena concluso la gara di artistico; Davide che in partita urla: Irene, tocca a te, l’8 è tuo.Poco più in là, la sera, quando gli altri hanno finito, qualcuno si lascia trascinare dal primo amore, quello che non si scorda mai. Tornano fuori i pattini di artistico, riprova trottole – oddio, anche la sorpassata - , sollevamenti, spirali, quel pattinaggio così diverso dall’hockey per la sua eleganza. Magari, prima o poi, anche qualche salto finirà correttamente su quattro ruote. Il campionato di hockey è finito, il tempo c’è. La gioia nei tuoi occhi anche. Buon divertimento a te e a quella che condivide la tua gioia.E allora lasciatemi concludere così. “That’hockey?” Forse, ma con un po’ d’orgoglio e tanta, tanta emozione preferisco pensare che “THAT’S POLET”

 
Začetniški tečaj kotalkanja in hokeja 2014 – Corso principianti pattinaggio e hockey 2014

(foto slosport.org)

Od 2. septembra 2014 dalje bo ob ponedeljkih, sredah in petkih potekal začetniški tečaj v umetnostnem kotalkanju in hokeju na rolerjih. Tečaj je namenjen otrokom do desetega leta starosti. Prijave ob ponedeljkih in petkih od 16. do 17. ure na Pikelcu pri Poletu, Repentaborska ulica 32 na Opčinah ali ob isti uri na telefonski številki 040211758.

Vabljeni

Dal 2 settembre 2014 in poi avrà inizio il corso principianti di pattinaggio artistico e hockey inline riservato a ragazzi e ragazze sotto i dieci anni di età. Iscrizioni aperte il lunedì e venerdì dalle 16 alle 17 al Polet, in Via di Monrupino 32 a Opicina o allo 040211758 durante gli stessi orari.

Siete i benvenuti