Nič manj proti Milanu - Alla pari con il Milano

ZKB Kwins: 4

Milano Quanta: 6

ZKB Kwins: Biason, Gallessi, Mariotto, Grusovin, Dakskobler (1), Cavalieri, Žerdin (2), De Wonderweid, Fumagalli, Fabietti, Battisti (1), Zol, Poloni.

Državni prvaki iz Milana so prišli v soboto v Trst kot 8. na lestvici letošnjega prvenstva, ker jih zvezno sodišče obsodilo, ker so prvih 5 tekem prvenstva igrali z igralcem, ki je bil lansko sezono diskvalificiran in ni smel vsaj dve zaporedni tekmi na igrišče. Poleg tega se je Milano pritožil češ, da je brezsmiselno igrati s tako manj vrednimi ekipami kot sta Polet in Asiago in, da je to le metati denar v nič. Pričakovalo se je torej, da bo Milano premočen na igrišču in, da prišlo do prave enostranske goleade. V prvem delu tekme je Milano takoj povedel za dva gola ampak so Poletovci reagirali in z goli Žerdina in Dakskoblerja tekmo v prvem delu izenačili. V drugem delu tekme je Milano zopet povedel in je na polovici drugega dela bil rezultat 2 proti 5. Poletovci so reagirali in prišli zopet do gola tako z Žerdinom kot z Battistijem. Zadnji del tekme je bil pravi navalj na Milanov gol a Poletovci niso uspeli izenačiti tekme in se je zato trener Rusanov odločil, da zamenja vratarja z igralcem več in prav na koncu je prišlo še do zadnjega gola Milana v prazna vrata. Na koncu tekme predsednik Poleta Kokorovec ni komentiral pisnih pritoževanj Milana glede na to, da je bila tekma povsem izenačena in uravnovešena. Upa, da je ekipa razumela, da lahko odigra res dobre tekme prav z vsemi v prvenstvu in, da bo lahko po tej tekmi le narasla samozavest ekipi za dobro nadaljevanje letošnjega prvenstva. Vsi igralci so tokrat dali vse od sebe ampak pohvalil bi še enkrat vratarja Biasona, ki s tekme v tekmo dokazuje, da je eden najboljših vratarjev v italijanskem prvenstvu A1 lige.

I campioni d'Italia del Milano arrivano a Trieste dopo la pesante penalizzazione inflitta loro per errato utilizzo di un atleta e che li relega al terz'ultimo posto in classifica e preceduti da una lunga lettera al Presidente della FIHP nella quale si lamentano dell'inutilità di trasferte per giocare con squadre, al loro confronto, di  livello qualitativo troppo misero, quali l'attuale Asiago e il Polet. Con queste premesse ci si aspettava che i milanesi si esibissero in una goleada, ma, come spesso accade nello sport, i commenti si fanno alla fine. L'incontro inizia con due reti lombarde in rapida successione, ma i triestini non ci stanno a fare le vittime sacrificali e pareggiano il primo tempo con una rete di Zerdin ed una di Dakskobler. Nel secondo tempo il Milano tenta di prendere il largo e si porta sul 5 a 2, ma prima Battisti e poi ancora Zerdin rimettono in discussione il risultato. Il finale è un autentico arrembaggio, purtroppo sfortunato per il Polet, alla porta del Milano: il disco non vuole proprio entrare, negando ai triestini la gioia di un giusto pareggio. Coach Rusanov tenta l'ultima mossa e toglie il portiere sostituendolo con un giocatore di movimento. Ancora la sfortuna nega il gol ai triestini che, a fil di sirena, devono anche incassare la sesta rete su lunghissimo rinvio del Milano verso la porta triestina indifesa. A fine partita il Presidente del Polet, Samo Kokorovec, si rifiuta di commentare la lettera dei milanesi limitandosi a dire che tutti possono leggerla e farsi una propria idea sull'arroganza di alcuni, e si sofferma piuttosto sull'incontro che le due formazione hanno giocato alla pari. "Questa è la squadra che mi aspetto di rivedere nei prossimi incontri, con la stessa grinta e determinazione. Spero che i miei abbiano finalmente capito che le potenzialità le hanno per competere con chiunque. Purtroppo non portiamo a casa punti, ma almeno una buona iniezione di autostima. Oggi non ritengo giusto fare nomi per segnalare i migliori perché tutti hanno dato il massimo, ma non posso non citare il nostro giovanissimo Biason, che a passi veloci si sta avviando ad essere uno dei migliori portieri italiani."