NEWS HOCKEY
Hockey Master Part 01

Tudi mladi igralci Čivitavecchie so padli v mrežo tržaških kwanjev, ki teden za tednom se krvoločno izživljajo nad vsakim nasprotnikom, ki srečajo na igrišču. Nasprotniki brez nikakršne krivde, se pač znajdejo v zgrešenem trenutku v napačnem kraju. Ta je bil komentar takoj po tekmi kapetana Battistija ( gazzetta dello sport 22. decembra 2013) Takoj za tem, mu tako odgovori "presneti federac" Fabietti. Živim z obilo dvomov ampak imam v življenju določena fiksna prepričanja. Moj mit? Iredent Enrico Toti. Kaj imava skupnega? Handikap najprej. Vedno se je brez strahu, do zadnje kapljice energije, boril da bi odnesel zmago Iz fronte. Prijateljica palica ga je edina zvesto spremljala ko je na fronti naskakoval nasprotnika domovini. Tako se predstavljam vsakič, ko se podim proti golu in za sabo vlečem gnečo igralk ki se mi brezuspešno obeša na palico da ne bi streljal na gol. In glede na to, da mi pa kljub vsemu uspe zadeti, ostajam vedno bolj osamljen na prvem mestu lestvice strelcev. Evo, na ta naćin pomagam svojim manj talentiranim soigralcem, da zadovolimo nalogam ki nam zastavlja druže Rusanov. Oglasi se nato "Autorevole" (profesor Gian Cavalieri). Jaz, obratno, polno zaupam svojim soigralcem. Nihče ni nepotreben ampak tudi ni nikogar, ki bi bil nezamenljiv. S tipično angleško flegmo profesor tako obarva svojo sliko. Izmed federacov, najraje se družim s soigralcem princem Gallessi Quarantotto. Kar se pa ostalih tiče, niti dedki niso prav nepotrebni. Njihove prisotnosti se poslužujemo predvsem, da se lahko mi mlajši malo odpočijemo med tekmo. Glej glej, kdo se oglasi... Mehanskonezamenljivi Dino Vocchi. Fantje nehejte se krjgat, stric Voki vas štema vse, bašta da zmagaste però. Da bi preprečil naknadno kreganje se nato oglasi trener Rusanov. Poskrbel bo za prevod stari Samo (rusanovščina-podomaščina sta namreč jezika, ki Jih malo obvlada v tem vesolju). Yas moje kure dobro poznam. Frečha je pikanten ma brez fedračha je ščhapa. Čaki, grem na autocesto po benzino in pridem nazaj... Usako tolko kšen fedračhu pomaga ma fedračh je fedračh. Kapetan Batistij? Ja je tudi on pikanten in predvsem fizičhno sledi mojemu standardu. Autorevole però je autorevole. Nunci? Jaz imam najraje najnunca, ampak če bi ostali na kauču doma usi bi blo boljše za useh. Galo mi dobro sledi. Se prou zgleduje po meni, malo čhičhon ku js in Kapetan. Je na dobri cesti. Kaj lahko še dodamo... Gori v Kwinsovi hiši ali je samo vinjenost zaradi "kapolizma"??? Bomo pač videli v nadaljevankah master hokeja. ... Kdo bo končni zmagovalec?

L'insaziabile fame di vittoria dei kavalli di Trieste non risparmia nemmeno le giovani e incolpevoli vittime di Civitavecchia che nulla possono difronte alla spietata concretezza dei triestini, che come bestie assetate di sangue si gettano settimana dopo settimana sulle proprie prede, incolpevoli tranne per il fatto di trovarsi nel posto sbagliato al momento meno opportuno. Questo è il commento espresso a caldo dal capitan Battisti a fine partita (gazzetta dello sport del 22 dicembre 2013) Non più di 20' minuti più tardi arriva la replica del"froso maledetto" Fabietti. Nella vita io ho tanti dubbi ma pure tante certezze. Il mio mito? L'indomito irredento Enrico Toti. Ci accomuna la diversità di abilità. Nonostante il suo handicap lui non lesinava alcuna energia pur di portare a casa a qualsiasi costo la vittoria. Tante battaglie vinte portano a vincere la guerra. Con la stampella da conforto ha creato uno sfacelo nelle fila nemiche alla patria... È così che mi immagino mentre cavalco trattenuto a fatica dalle avversarie nella mia rincorsa al goal. E riuscendoci, confermo ogni giorno la mia supremazia nella classifica marcatori. Ecco così io aiuto i miei meno dotati compagni a raggiungere i traguardi prefissataci da prode coach Rusanov. Interviene allora l'autorevole ( al secolo professor Gian cavalieri). Ho piena fiducia nei miei compagni di squadra. Nessuno inutile, ma nessuno indispensabile. Con il solito flemma inglese il professore dipinge così la sua tela: tra froso e froso, preferisco mantenere il mio ottimo rapporto con il compagno principe gallessi quarantotto. Quanto agli altri posso aggiungere che nemmeno i nonni sono inutili. Se non altro ci fanno prendere un po' di fiato. Inaspettata arriva la replica del meccanicamente indispensabile Dino Vocchi. " muli no ste litigar, zio voki ve vol ben a tuti. ... Basta che vinze. Ma la parola fine la mette il coach Rusanov. Mi i miei poli li conozo. Frecha Ze forte ma senza froso no niente. Si oghni tanto quakidun lo yutah ma froso Ze froso. Kapitan batistij? Fizikamente segui le mie trache. Questo Ze bon. Ma l'autorevole Ze l'autorevole. I vechi? Mi preferiso el piju vecho ma se irestasi kasa tuti sarija meho per tuti. Galo me sta seguendo ben. Anke lui un poko cicion kome mi e el kapetan. Se sula bona strada. Cosa possiamo aggiungere. Incendio in casa kwins o semplice sbornia da capolista? Chissà. Lo vedremo nelle prossime puntate dello... Master hockey...chi sarà il vincitore???

 
Polet še vedno neustavljiv - Il Polet inarrestabile

CVSK Civitavecchia: 3
ZKB Kwins: 11

ZKB Kwins: Gallessi, Mojmir Kokorovec, Battisti (4), Cavalieri (2), Mariotto (1), Fabietti (3), Grusovin (1), Mitja Kokorovec, De Iaco, Samo Kokorovec.

Po tedenskem premoru prvenstva A lige zaradi stavke sodnikov, se je igralo včeraj drugo kolo povratnega dela prvenstva druge italijanske lige. Poletovci odpotujejo tokrat na najdaljšo gostovanje prvenstva, v Rim, proti ekipi CVSK Civitavecchia. Ekipa Poleta je tokrat zaradi dolgega potovanja nekoliko krajša. Klub se je odločil, da pelje v Rim le osem igralcev in dva golmana, ki vsekakor dokažejo, da je napadalna sila Poleta vsekakor najboljša v letošnjem prvenstvu. Kwinsi takoj povedejo tekmo z dvemi goli v prvih minutah in z rezultatom 5 proti 2 na polovici tekme. V drugem delu tekme se Poletovci razigrajo in dokažejo, da poleg dobre skupinske igre so tudi fizično na zelo visokem nivoju. Obrestuje se delo fizičnega trenerja Teginija, ki ekipo trenira že tri sezone. Tekma, ki so jo Poletovci odigrali z zelo visokim tempom se zaključi z rezultatom 11 proti 3. Samo Kokorovec je tako dejal: "Battisti je bil včeraj nezadržljiv in prav kot on tudi cela prva fora. Tokrat je tudi druga fora dokazala, da narašča feeling med igralci in, da ima tudi mladi Grusovin možnost umerjeno igrati in dokazati, da lahko tudi on  igra brez nikakršnega problema na takih nivojih." Polet je tako še vedno samostojno in nepremagan prvi na lestvici in sledi mu s šestimi točkami manj le Forli, ki je včeraj prav tako zmagal. Naslednja tekma bo 11. januarja zopet v gosteh v Montebelluni.

Dopo la pausa forzata dovuta alla protesta degli arbitri, rientrata con l'accordo con la Federazione, riprende a giocare la serie A2 di hockey in line con le partite della seconda giornata di ritorno. I ragazzi del ZKB Kwins Polet affrontano la trasferta più lunga, a Roma, per incontrare il CV Skating di Civitavecchia. La formazione triestina si presenta con sole due linee di movimento, ma la capacità offensiva della capolista non sembra risentirne. Una doppietta iniziale fa subito comprendere ai laziali che anche la partita di ritorno sarà a senso unico: 5 a 2 per il Polet già alla fine del primo tempo. La ripresa vede i triestini proporsi con un gioco corale di grande efficacia, dimostrando, tra l'altro, una condizione fisica ottimale dopo l'ottimo lavoro del preparatore atletico Teghini. La partita, che si conclude sul risultato di 11 a 3 a favore del Polet, è stata giocata ad altissimo livello dai triestini che hanno subito i gol più per disattenzioni proprie che per merito degli avversari. Samo Kokorovec, assistente al capitano e vice Presidente del Polet così commenta: “Battisti ha giocato una partita eccellente e contro di lui nulla hanno potuto gli avversari, ma con lui tutta la prima linea è stata veramente di altissimo livello. In crescita anche il gioco della seconda linea che oggi ha dimostrato un grande gioco di squadra, e che così permette anche alla giovane promessa Grusovin di potersi esprimere con tranquillità a livelli fino a qualche mese fa inimmaginabili.” La contemporanea vittoria del Forlì mantiene inalterato il distacco di 6 punti fra le prime due mentre si acuisce il divario con le altre, incapaci di mantenere lo stesso ritmo. Polet, quindi, ancora imbattuta capolista, che si prepara a festeggiare nel miglior modo la fine dell'anno, in attesa di tornare in campo l'11 gennaio con la trasferta a Montebelluna.

 
Gallo dicit: Zimski prvaki! - Campioni d’inverno!

Gallo

Tako je v nogometnem krogu poimenovana ekipa, ki je prva na lestvici po prvem kolu prvenstva. Žal je za nas zima šele prišla in prav tako nizke temperature na našem Pikelcu, ki ga naša zelo solidarna in vedno prisotna publika prav dobro pozna. Vsekakor lahko rečemo, da smo ...ZIMSKI PRVAKI! Statistike dosedanjega prvenstva jasno kažejo kaj in kako do sedaj: 7 zmaganih tekem 0 izenaćenih in 0 izgubljenih; zlato in srebro v lestvici strelcev za Fabiettija in Mariotta, ki sta skupaj v sedmih tekmah zbrala več kot 40 točk; oba golmana Gallessi in Biason v lestvici "Top 5". Statistike ne dopuščajo dvomov in vedno bolj kažejo, da so letos Poletovci štartali s pravim elanom in veliko zagrizenostjo. Važno je sedaj nadaljevati po tej poti, da pridemo vsi do našega skupnega cilja: prestop v prvo ligo!
Andrea Gallessi

...è questo il termine calcistico con cui solitamente viene definita la squadra vincitrice del girone di andata. Purtroppo, per noi l’inverno è appena arrivato, e proprio ora nella fredda pista di Opicina inizieranno a manifestarsi le rigide temperature ben note soprattutto al nostro pubblico, sempre pronto a sostenerci. Tuttavia, possiamo definirci ...CAMPIONI D’INVERNO! Che dire, le statistiche parlano chiaro: 0 pareggi, 0 sconfitte, 7 vittorie. “Oro e argento” in classifica marcatori per Fabietti e Mariotto, coppia di attacco che in 7 partite ha realizzato più di 40 punti, ed entrambi i portieri del Polet nella “Top 5”. Le statistiche non lasciano ombra di dubbio, e le nostre sensazioni ci trasmettono ancora di più quest’idea: il Polet è partito con la marcia giusta, tutta la grinta necessaria ad affrontare il campionato di serie A2. Ora l’importante è andare avanti così, seguendo il cuore, stringendo i denti, e lottando per un unico obiettivo comune: la promozione in serie A1!
Andrea Gallessi

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 10 di 39